Tende su Misura: I Consigli di 3 Esperti

Tende su Misura: I Consigli di 3 Esperti Le tende sono il dettaglio che rifinisce la ristrutturazione di un ambiente, oppure l’elemento da modificare per rinnovarne lo stile. Sono elementi di arredo che si fanno notare: ecco perché, quelle su misura, hanno una marcia in più. L’operazione è meno semplice di quello che sembra, non solo per la grande possibilità di scelta (tessuti, confezione, accessori), ma anche per alcune variabili tecniche che spesso non sappiamo gestire. Per vederci più chiaro e riuscire a confrontarci più facilmente con rivenditori e tappezzieri, abbiamo chiesto qualche chiarimento a tre professionisti iscritti su Houzz. Consigli professionali di: Teresa Marotta, architetto e titolare di Archilab - Soluzioni tessili d’arredo (Avellino) Francesco Frigerio, esperto in tessuti d’arredo di Frigerio Milano Design (prov. di Monza) Antonella Pellegatti, esperta in tessuti d’arredo e titolare di Camar Show Room (prov. di Alessandria). Quanta stoffa occorre? Facciamo chiarezza Nell’acquisto della stoffa è fondamentale avere dati corretti sulla quantità di metri necessaria. Il rischio è ritrovarsi con poco tessuto e dover ricominciare tutto daccapo. Antonella Pellegatti spiega che «il punto di partenza è la misura della finestra, comprensiva dell’ingombro dell’eventuale cassonetto. L’altezza della finestra, più 20 cm aggiuntivi, corrispondono alla larghezza della stoffa. La larghezza della finestra, moltiplicata per due, più 20 cm, corrisponde all’altezza della stoffa». Si moltiplica per due per consentire di arricciare la tenda. Nel caso di tenda a pacchetto, non avendo questa necessità, si considerano mediamente 30 cm in altezza per la piega inferiore che darà il giusto aplomb, e 15 cm per le pieghe laterali. I tessuti fantasia: cosa si intende per “rapporto” A proposito di misura del tessuto, in presenza di decori occorre considerare il rapporto, ovvero «la distanza tra due disegni che si ripetono – chiarisce Francesco Frigerio –. Il rapporto ha una grandezza e per motivi di produzione si ripete costantemente. Diventa basilare lavorare il tessuto considerando il rapporto per avere il disegno completo sul prodotto finale, dunque ci potrebbero essere degli scarti non utilizzabili di tessuto ma necessari per la buona riuscita del lavoro». Il rapporto, espresso in percentuale di tessuto in più da acquistare, è specificato nella scheda del tessuto fornita dal produttore.

Usiamo cookie anche di terze parti chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.